elastici-per-ortodonzia

Malocclusione

La meccanica imperfetta

Il termine “malocclusione”, che letteralmente significa “cattiva chiusura” viene utilizzato in modo generico per indicare uno scorretto allineamento delle arcate dentali l’una rispetto all’altra a bocca chiusa. In altre parole, si tratta di un rapporto di posizione anomalo tra i denti della mascella e quelli della mandibola.

Le cause delle malocclusioni sono in parte legate a fattori genetici, quindi non modificabili (ad esempio, le dimensioni delle basi ossee mascellare e le rispettive dimensioni dei denti) ed in parte legate a fattori modificabili (ad esempio, la suzione del pollice o la perdita precoce di uno o più denti permanenti).

Le malocclusioni possono verificarsi su un solo piano dello spazio (rispettivamente piano frontale, sagittale, trasversale) o, come spesso accade, coinvolgere più piani dello spazio. Le malocclusioni possono coinvolgere l’intera bocca o solo sue parti (ad esempio, un solo lato della bocca).

 

La classificazione di Angle

classi-dentali

La classificazione di Angle riconosce 3 classi dentali sulla base dei rapporti delle due arcate sul piano sagittale:

  • Prima classe dentale:
    definisce il rapporto corretto tra denti dell’arcata superiore e arcata inferiore. I denti dell’arcata superiore sporgono leggermente rispetto a quelli dell’arcata inferiore, come un coperchio sopra una scatola.
  • Seconda classe dentale:
    I denti dell’arcata superiore sono marcatamente più avanti rispetto a quelli dell’arcata inferiore.
  • Terza classe dentale:
    I denti dell’arcata superiore sono più avanti rispetto a quelli dell’arcata inferiore.

 

Altre malocclusioni

Oltre alle malocclusioni di Angle ce ne sono altri tipi molto comuni che possono essere isolati o combinati:

  • Morso crociato (cross-bite):
    i denti dell’arcata superiore si trovano internamente rispetto ai denti dell’arcata inferiore.
  • Morso profondo (deep-bite):
    gli incisivi superiori coprono oltre il 60% della faccia esterna degli inferiori (OVB > 2,5 mm).
  • Morso aperto:
    presenza di uno spazio (anteriore o posteriore o laterale) tra i denti delle due arcate in posizione di bocca chiusa.

 

Il modo migliore per prevenire le conseguenze delle malocclusioni è intercettarle e correggerle precocemente, una visita ortodontica in età giovanile (intorno ai 6 anni) permette di guidare le fasi della crescita ossea ad un corretto sviluppo.

Lascia un commento

Devi essere loggato per postare un commento.